È finalmente sbarcato in Italia Facebook Marketplace, che permetterà a noi utenti iscritti nel più famoso e diffuso social network, di poter vendere e acquistare oggetti, persino case e auto.

Ebbene sì, il buon Mark ha deciso di infilarsi in una nuova fetta di mercato per poterla conquistare: a farne le spese saranno i maggiori marketplace del momento, ad esempio in Italia conoscerai Subito.it, che permette ai privati di mettersi in contatto e poter vendere o scambiare i loro oggetti.

Ma qual è il vero punto focale per chi, come te, ha un’azienda e vorrebbe sfruttare la potenza di questo nuovo strumento messo a disposizione? Vediamolo!

I punti forti di Facebook Marketplace

Sul sito ufficiale di Facebook Marketplace non c’è traccia ad alcuna normativa o divieto che impedisca ad un professionista o ad un’azienda di poter inserire i propri prodotti nel circuito e venderli: quindi piena libertà nel proporre i propri articoli anche in questa nuova piattaforma.

Lo studio fatto a monte per Facebook Marketplace prevede un utilizzo principalmente dal mobile, proprio perché gli utenti accedono al social network quasi sempre da mobile. L’interfaccia desktop è comunque immediata e intuitiva.

La procedura per vendere è davvero semplice ed essenziale: ogni utente ha la possibilità di inserire sino a 10 immagini, aggiungere titolo e descrizione, prezzo, categoria e località. Proprio in merito alla categoria e alla località, Facebook utilizza i più comuni filtri dei marketplace, permettendoti di trovare prodotti di tuo interesse anche in base ad un raggio di azione.

All’interno delle schede prodotto, l’acquirente e il venditore potranno interagire con la chat privata e accordarsi su tutto ciò che serve per portare a buon fine la trattativa. Una volta raggiunto l’accordo e venduto il prodotto, sarà possibile rendere lo stesso “non più disponibile”.

Pagamenti e sicurezza

L’attenzione non è mai troppa, soprattutto perché Facebook non ha messo a disposizione un sistema sicuro per le modalità di pagamento, ma si limita a consigliare l’utente circa possibili truffe o assegni scoperti, in particolare nel caso di beni importanti come autovetture o addirittura case. Il social network ha comunque previsto una pagina per segnalare frodi o vendite non autorizzate (alcol, animali, armi, ad esempio, non possono essere venduti nella piattaforma, ecco la normativa), ma non è ancora disponibile in tutti i paesi.

Inoltre, la pagina ufficiale di Facebook Marketplace consiglia di non recarsi mai soli ad un appuntamento per il ritiro del prodotto e, soprattutto, inserirà un sistema di valutazione e recensioni sia per venditori che per acquirenti. Proprio questo piccolo dettaglio rende Facebook Marketplace il principale competitor del colosso Ebay che dovrà sicuramente ben guardarsi dall’evoluzione prossima di questa nuova piattaforma.